Home / Libri / Letteratura / Poesia / Contemporaneo / La giovinezza di primavere mi sorrise ID: B11572
Visualizza l'immagine in formato grande

La giovinezza di primavere mi sorrise

Categorie:
Autore: Vera Ambra
ISBN: 978-88-6328-033-3
Paese originale: Italia
Lingua originale: Italiano
Data di pubblicazione: 2008
Inviato da:
Aggiungi il libro ai preferiti
Il libro è già aggiunto ai preferiti
I preferiti: 0 questo libro.

« Tu solo per sempre » è l'immutabile parola di chi ama

A Claudio, unico amore dei miei 13 anni indimenticabili...

Mio caro, dolce ed indimenticabile amore,

come un palloncino che improvvisamente scappa con il vento, i miei pensieri stanno ripercorrendo anni luce, attraverso la ruggine del tempo svanito sui banchi di scuola, per ricomporre con la colla della nostalgia quei frammenti di ricordi legati a te, eterno ed unico mio amore.

Caro amore, amore caro! Quanti anni... quanti!

Provo adesso un'indicibile emozione nel riscoprire e ritrovare la freschezza di quei nostri giorni, i soli testimoni d'una malattia che neanche la medicina del tempo è riuscita a guarire.

Il contrasto, tra ciò che ho lasciato alle spalle e quello che ho davanti, può solamente sottolineare, con un intenso brivido, quella ferita che mai si è rimarginata.

Il nostro amore è rimasto una presenza affascinante e consapevole di mostrarsi rassegnato e avvenente come una foto in copertina.

Soltanto da animale affamato oggi posso divorare il pasto dei ricordi che, pur masticato con la mente, non mi sazia più come quei pomeriggi, discreti e riservati quando, con attenzione, guardavamo a chi potesse scoprire gli intimi disegni dei nostri occhi che si sperdevano nei confini.

Oggi, amore, posso soltanto con il cuore percorrere le memorie che vorrebbero mischiarsi coi sapori di quei giorni consumati su quella vecchia panchina del giardinetto pubblico e così riprovare, per un solo attimo, le sensazioni della prima volta.

Le nostre immagini, ferme e immutabili, sembrano quadri prosaici e misteriosi di questa storia, nascosta ancora sotto le larghe pieghe di quel vestitino di velluto rosso sfoggiato per provare la sensazione d'essere una elegante signorina.

Ricordo che la testa mi girava a forza di camminare insieme a te, col naso all'insù e gli occhi strizzati, leggermente inebriata da quell'aria che sapeva di gelsomino e di libertà.

Persino il sole sembrava più vivo tra i gatti sornioni che se lo godevano, mentre adesso, che vivo guardando l'orologio per contare il tempo, mi rivedo ancora con te, mescolata tra la folla, con la forza di quella ingenua trasparenza che ci lacerava con domande alle quali non sapevamo dare risposte.

Troppi anni hanno cambiato la nostra vita senza risparmiarci; adesso, anche se per un attimo ritorno a te, lascia che ti scriva queste righe che so bene che non leggerai mai, poiché in quell'angolo nascosto della mia vita, tra sogni e silenzi, c'è la gioia e la spensieratezza che abbiamo provato insieme.

Da allora non mi è rimasto che sentire le rughe crescere una a una. Le ho sentite calcare la fronte mentre mi lasciavo andare avanti, senza che nessuno abbia osato muovere un dito per fermarmi in questo andare.

Sono andata sempre avanti, senza mai guardare indietro, senza mai chiedermi dove. La sola consapevolezza che riesce ad identificare le mie emozioni è l'impronta di questa bufera di felicità che si scatena con lotta impari, che mi schiaccia come una formica sotto il tacco.

Con la dolcezza del tuo ricordo posso oggi illuminare il grigio degli anni che si sono mescolati con l'ombra di tanti altri anni e di tanti altri amori. Questi ricordi, amore, adesso sono soltanto piccoli fiammiferi che s'accendono e si spengono per ricacciarmi senza pietà nei meandri dei giorni perduti, dove debbo soltanto surrogare una realtà che, priva d'innocenza, non potrà più avere i tuoi occhi: gli occhi d'una volta!

Altri libri relativi:
Accedi, per favore

E-mail:

Password:

Crea un account gratis

Hai dimenticato la password?